20 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Bonus bebè 2019: requisiti

Bonus bebè 2019: requisiti. L’INPS con la circolare n. 85 del 7 giugno 2019 ha comunicato che l’assegno di natalità (c.d. bonus bebè) è confermato anche per l’anno 2019; viene riconosciuto, nello specifico, per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Si ricorda che l’assegno di natalità è stato istituito dalla legge 190/2014; la misura è stata, poi, prorogata negli anni successivi. Attualmente l’assegno di natalità è disciplinato da tre fonti normative, da ultimo la legge 119/2018 che ha fissato in 240 milioni di euro i limiti di spesa per l’anno 2019.

Nella circolare l’INPS fissa i requisiti per la fruizione del bonus bebè ricordando, tra l’altro, che è prevista una maggiorazione del 20% in caso di figlio, successivo al primo, nato o adottato nel corso del 2019.

Al punto 4 della circolare INPS sono indicati, invece, i requisiti di tipo economico necessari per poter ottenere la prestazione. L’INPS, al medesimo punto della circolare, illustra anche le modalità per procedere alla regolarizzazione di eventuali omissioni e difformità.

La prestazione, nello specifico, spetta a condizione che il nucleo familiare del genitore richiedente, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, sia in possesso di un ISEE in corso di validità non superiore a 25.000 euro.

Nella circolare l’INPS si occupa anche della particolare fattispecie dell’affidamento temporaneo, nonché dell’adozione.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

Si ricorda che, al fine di consentire l’adeguamento tecnico delle procedure INPS, è stato previsto un periodo transitorio per gli eventi verificatesi tra il 1° gennaio 2019 e il 15 marzo 2019. Per tali eventi il termine di 90 giorni per la presentazione della domanda decorre dal 15 marzo 2019. Pertanto, per dette domande, il termine di 90 giorni per la presentazione scade il 13 giugno 2019.

Bonus bebè 2019: requisiti

Fonte: INPS

 

In Primo Piano

Continua a leggere

Esonero contributivo per i beneficiari di assegno di inclusione 

L’Inps ha reso note le prime indicazioni in merito all’esonero introdotto dal Dl 48/2023 relativo alle assunzioni a tempo determinato e indeterminato e per la trasformazione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato di soggetti beneficiari dell’Assegno di inclusione e del Supporto per la formazione e il lavoro

Riconteggio debiti contributivi  

L’INPS, con la circolare 4244 del 2023, ha posticipato all’11 di dicembre l’invio delle domande di riconteggio dei debiti contributivi successiva alla procedura di saldo e stralcio introdotta dal decreto lavoro.

Più semplice l’iter di riconoscimento delle prestazioni di invalidità

L’Inps, con il messaggio n. 4193 del 24/11/2023, rende noto il rilascio della prima versione del Portale della Disabilità.