24 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

ANF: iscritti alla Gestione Separata

ANF: iscritti alla Gestione Separata. I lavoratori c.d. parasubordinati, come noto, si differenziano dai lavoratori dipendenti per assenza del vincolo di subordinazione e dai lavoratori autonomi per mancanza di un’organizzazione di mezzi.

Ai lavoratori parasubordinati, iscritti alla Gestione Separata INPS, sono riconosciute comunque delle tutele previdenziali tra cui il diritto ad ottenere gli assegni al nucleo familiare.

Tali lavoratori devono presentare richiesta all’INPS e il pagamento è effettuato direttamente dall’Istituto; è escluso il pagamento tramite il committente.

Al pari degli altri lavoratori, l’importo dell’assegno varia in relazione al numero dei componenti, alla tipologia e al reddito complessivo percepito dal nucleo familiare in base a quanto stabilito dalle tabelle reddituali che ogni anno l’INPS pubblica.

Il nucleo familiare può essere composto da:

  • il richiedente;
  • il coniuge non separato legalmente (in questo caso non rileva la situazione reddituale);
  • i familiari fiscalmente a carico.

Ai fini ANF rientrano nel nucleo familiare i seguenti soggetti: figli o equiparati di età inferiore ai 18 anni, apprendisti o studenti di scuola media inferiore (fino a 21 anni e solo nei nuclei familiari numerosi), universitari (fino a 26 anni) e inabili a lavoro.

Si ricorda che il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere composto da reddito derivante da lavoro dipendente ed assimilato o da reddito derivante dalle attività di lavoro parasubordinato, per almeno il 70% del reddito stesso.

Gli ANF spettano ai lavoratori parasubordinati, iscritti alla Gestione Separata, per tutto il periodo coperto da contribuzione. Qualsiasi variazione intervenuta nel reddito oppure nella composizione del nucleo familiare, dovrà essere comunicata entro il limite di 30 giorni.

ANF: iscritti alla Gestione Separata.

In Primo Piano

Continua a leggere

Congedi parentali all’80%, cosa c’è da sapere

L’INPS, con il messaggio 1629/2024 torna nuovamente a parlare di congedo parentale all’80%. Nel messaggio vengono forniti chiarimenti in merito alla gestione degli arretrati.

Fringe benefit e stock option: entro il 21 febbraio la trasmissione dei dati relativi al personale cessato  

L’articolo 40 del Decreto Lavoro (D.L. n. 48/2023) convertito nella legge n. 83/2023, ha elevato, per il solo periodo d’imposta 2023, da 258,23 euro a 3.000 euro il limite di esenzione previsto per i beni ceduti e i servizi...

Congedo straordinario: computo delle mensilità aggiuntive   

A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute all’Inps, con il messaggio n. 30 del 4 gennaio 2024, l’Istituto comunica le modalità di computo del rateo della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini del calcolo dell’indennità per il congedo...