22 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Studi Professionali: trovato l’accordo per il contratto

Ipotesi rinnovo del contratto nazionale. Tra le migliorie: sostegni ai genitori  aumenti da 215 euro, una tantum da 400 euro, permessi studio.Il contratto degli studi professionali era scaduto a marzo del 2018. A firmare l’accordo di rinnovo il 16 febbraio scorso, l’associazione datoriale Confprofessioni e i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs.

Inserite dal tavolo di lavoro nella bozza del contratto alcune migliorie. Prevista per il nuovo contratto una durata  triennale, dal primo marzo 2024 al 28 febbraio 2027.

L’intesa prevede un incremento contrattuale di 215 euro mensili riferiti al terzo livello. La somma è da riparametrare per gli altri livelli.

Prevista poi la corresponsione per una tantum di 400 euro erogata in due tranche: la prima nel prossimo mese di maggio e l’altra a maggio del prossimo anno.

Tra le novità in ipotesi,  l’incremento di 5 euro del contributo versato alla Cassa sanitaria Cadiprof con l’obiettivo di introdurre nuove prestazioni anche a favore dei familiari dei dipendenti degli studi professionali. 

Previsti vari miglioramenti. Maggiori possibilità  per i permessi studio e per quelli retribuiti per le donne vittime di violenza.

L’accordo interviene anche in merito al sostegno alla genitorialità. A decorrere dal primo gennaio 2025, è prevista l’integrazione del trattamento di maternità obbligatoria a carico del datore di lavoro in modo tale da raggiungere il 90% della retribuzione. 

In Primo Piano

Continua a leggere