17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Proroga al 7 luglio per i versamenti delle dichiarazioni fiscali

Con il comunicato stampa del 14 giugno 2014, il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto che, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, è stato differito dal 16 giugno al 7 luglio il termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione unificata annuale da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

Il Ministero precisa che il differimento interessa anche i contribuenti che, pur appartenendo alle categorie per le quali sono previsti gli studi di settore, presentano cause di esclusione o inapplicabilità (ad esempio, nel caso di non normale svolgimento di attività, o per il primo anno di attività) o i contribuenti che rientrano nel regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità.
Usufruiscono inoltre della proroga i contribuenti che partecipano a società, associazioni e imprese soggette agli studi di settore.

Sarà, inoltre, possibile effettuare i versamenti dopo il 7 luglio e fino al 20 agosto 2014, versando, a titolo di interesse, una maggiorazione dello 0,40%.

In Primo Piano

Continua a leggere

Assegno unico, Inps: erogati oltre 8 miliardi di euro in 5 mesi

A quasi sei milioni di famiglie, 9,4 milioni i figli coinvolti. Quota 8,12 miliardi di euro per assegno unico. È quanto emerge dall'Osservatorio sull'assegno unico dell'Inps secondo il quale la media mensile dei nuclei che hanno ricevuto il beneficio...

AI act: al via la legge Ue  

La legge UE che riguarda le applicazioni di intelligenza artificiale entra in vigore a scaglioni. Tra sei mesi i controlli sui sistemi di IA per finalità generali. Al via il Regolamento 1689/2024/UE (EU Artificial Intelligence Act) misura legislativa europea di tutela...

Edilizia. Riduzione dei versamenti contributivi?

Sì, per i datori di lavoro. In quali casi? Il beneficio riguarda le buste paga del 2023. Con il decreto n. 368 del 21 maggio il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il ministero dell’Economia hanno confermato...