22 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

INPS: modalità di pubblicazione degli elenchi annuali dei lavoratori agricoli

Con il messaggio n. 2129 del 25 marzo 2015, l’Inps illustra le modalità tecniche e procedurali concernenti le varie fasi dell’attività finalizzata alla pubblicazione degli elenchi in oggetto, che dovrà avvenire entro il 31 marzo 2015.

Al termine dell’elaborazione centralizzata, gli elenchi definitivi saranno visualizzabili, in ambiente intranet, dalle Sedi provinciali per l’effettuazione dei controlli di rito e per consentire ai Direttori di Sede, attraverso un’apposita funzione a loro esclusivamente attribuita, la validazione degli elenchi stessi con le modalità previste dalla procedura di cui al messaggio n. 3206 del 21/2/2013.

Al fine di consentire la pubblicazione telematica simultanea sul sito internet dell’Istituto degli elenchi di tutti i Comuni entro la data del 31 marzo 2015, l’operazione di validazione dovrà avvenire perentoriamente entro il termine del 27 marzo p.v.

Gli elenchi in questione saranno pubblicati sul sito internet dell’INPS, all’indirizzo “www.inps.it”, con accesso libero e senza utilizzo del PIN (circolare n. 43 del 21 marzo 2012).

Sarà possibile accedere agli elenchi direttamente dalla “home page” del sito, dove è presente un apposito collegamento, “Pubblicazione elenchi lavoratori agricoli”, all’interno dello spazio “Avvisi e concorsi”.

Dalla data della loro pubblicazione sul sito internet dell’Istituto, gli elenchi saranno consultabili per quindici giorni consecutivi e la pubblicazione “on-line” avrà, a tutti gli effetti di legge, valore di notifica agli interessati.

Successivamente i dati presenti nella procedura ARLA-web saranno visibili, a livello di singola posizione assicurativa, come definitivi e perciò contraddistinti, nella colonna “Documento di provenienza”, con la lettera “P” avente significato di “dati provenienti dall’elenco principale annuale”.

Le variazioni, in base ai provvedimenti di riconoscimento/disconoscimento, di giornate intervenute successivamente alla pubblicazione confluiranno nei successivi elenchi di variazione.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

TikTok: aperta l’inchiesta della commissione Ue in materia di protezione dei minori

Dal “design che crea dipendenza” all’effetto “tana di coniglio”, il social media TikTok finisce tra i bersagli della Commissione europea a causa di presunte violazioni della Legge sui servizi digitali, Digital Services Act. Bruxelles ha avviato un procedimento formale.  Il...

Sì dal Garante Privacy a Codice di condotta delle Agenzie per il lavoro

Vietato "spiare" opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori, spiare gli account personali, effettuare preselezioni sulla base di informazioni personali come stato civile o altro, anche se con il consenso dei candidati. Sono alcune "buone prassi" a cui si...

Milleproroghe: novità per i contratti a tempo determinato

Il 19 febbraio 2024 la Camera ha approvato, con voto di fiducia, il disegno di legge di conversione del decreto legge 215/2023 del 30 dicembre 2023, conosciuto come decreto mille proroghe, che ora passa al Senato per l’approvazione definitiva. Tra...