22 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Inps: Contributi figurativi per incarichi politici o sindacali – chiarimenti

Con il messaggio n. 3499 dell’8 settembre 2017, l’Inps fornisce alcuni importanti chiarimenti in merito ai contributi figurativi per periodi di aspettativa fruita per incarichi politici e sindacali.

L’Istituto precisa, infatti, che la domanda di accredito in oggetto deve essere presentata, a pena di decadenza, entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello in cui abbia avuto inizio o si sia protratta l’aspettativa. Anche per le aspettative di durata pluriennale è necessario ripresentare la domanda entro il 30 settembre di ogni anno di riferimento.

Viene tuttavia prevista un’eccezione in riferimento a “lavoratori dipendenti dei settori pubblico e privato, eletti membri del Parlamento nazionale, del Parlamento europeo o di assemblea regionale ovvero nominati a ricoprire funzioni pubbliche, che in ragione dell’elezione o della nomina maturino il diritto ad un vitalizio o ad un incremento della pensione loro spettante”. Per questi soggetti, la domanda presentata (a pena di decadenza entro il 30 settembre) si intenderà tacitamente rinnovata ogni anno salva espressa volontà contraria dell’interessato.

Infine, di particolare rilevanza risultano essere le modalità di presentazione della documentazione attestante l’inizio del periodo di aspettativa. L’art. 3 D.lgs. 564/1996 sottolinea che «i provvedimenti di collocamento in aspettativa non retribuita dei lavoratori chiamati a ricoprire funzioni pubbliche elettive o cariche sindacali sono efficaci, ai fini dell’accreditamento della contribuzione figurativa (…) se assunti con atto scritto». L’Inps richiama l’attenzione sulla necessità che venga allegato alla domanda di accredito l’atto con cui il lavoratore è stato collocato in aspettativa.

Ulteriori dettagli e precisazioni dell’Istituto sono consultabili nel suddetto messaggio.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

TikTok: aperta l’inchiesta della commissione Ue in materia di protezione dei minori

Dal “design che crea dipendenza” all’effetto “tana di coniglio”, il social media TikTok finisce tra i bersagli della Commissione europea a causa di presunte violazioni della Legge sui servizi digitali, Digital Services Act. Bruxelles ha avviato un procedimento formale.  Il...

Sì dal Garante Privacy a Codice di condotta delle Agenzie per il lavoro

Vietato "spiare" opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori, spiare gli account personali, effettuare preselezioni sulla base di informazioni personali come stato civile o altro, anche se con il consenso dei candidati. Sono alcune "buone prassi" a cui si...

Milleproroghe: novità per i contratti a tempo determinato

Il 19 febbraio 2024 la Camera ha approvato, con voto di fiducia, il disegno di legge di conversione del decreto legge 215/2023 del 30 dicembre 2023, conosciuto come decreto mille proroghe, che ora passa al Senato per l’approvazione definitiva. Tra...