17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Il Decreto Poletti ottiene la fiducia del Senato

Il Decreto Poletti, prima misura del c.d. “Jobs Act” del Governo Renzi, ha ottenuto nella giornata di ieri, mercoledì 7 maggio, la fiducia del Senato e si appresta ora a tornare alla Camera per l’approvazione definitiva.

Numerose sono le modifiche rispetto alla versione originaria dell’atto governativo, in vigore dal 21 marzo 2014.

Tra le novità principali, che saranno oggetto di prossimi approfondimenti, particolarmente interessanti risultano quelle in materia di contratti a termine e di apprendistato. Con riferimento ai rapporti di lavoro a tempo determinato, si segnalano, innanzitutto, l’abbassamento del numero di proroghe, che passano da 8 a 5, e l’introduzione di una sanzione pecuniaria (che va dal 20% al 50% della retribuzione del lavoratore) in caso di superamento del limite del di utilizzo dei contratti a termine.

Tale limite rimane fissato al 20%, ma viene precisato che, ai fini del suo computo, devono essere conteggiati i dipendenti a tempo indeterminato in forza al primo gennaio dell’anno di assunzione. Dal raggiungimento della soglia del 20% vengono esclusi i contratti stipulati dagli enti di ricerca. Altre novità di rilievo riguardano il contratto di apprendistato, anch’esso oggetto di profonde modifiche.

Viene, rispetto al testo del Decreto Legge n. 34/2014, reintrodotto l’obbligo di redigere per iscritto, seppur in forma semplificata, il piano formativo nonché previsto l’obbligo di stabilizzare almeno il 20% degli apprendisti per le aziende che occupano più di 50 dipendenti. Quanto all’offerta formativa pubblica, viene stabilito l’obbligo delle Regioni di comunicare le modalità di fruizione e di svolgimento della stessa entro 45 giorni dalla comunicazione dell’instaurazione del rapporto di lavoro con l’apprendista. Infine, viene ripristinata la possibilità di stipulare contratti di apprendistato, anche a tempo determinato, per le attività stagionali.

In Primo Piano

Continua a leggere

Assegno unico, Inps: erogati oltre 8 miliardi di euro in 5 mesi

A quasi sei milioni di famiglie, 9,4 milioni i figli coinvolti. Quota 8,12 miliardi di euro per assegno unico. È quanto emerge dall'Osservatorio sull'assegno unico dell'Inps secondo il quale la media mensile dei nuclei che hanno ricevuto il beneficio...

AI act: al via la legge Ue  

La legge UE che riguarda le applicazioni di intelligenza artificiale entra in vigore a scaglioni. Tra sei mesi i controlli sui sistemi di IA per finalità generali. Al via il Regolamento 1689/2024/UE (EU Artificial Intelligence Act) misura legislativa europea di tutela...

Edilizia. Riduzione dei versamenti contributivi?

Sì, per i datori di lavoro. In quali casi? Il beneficio riguarda le buste paga del 2023. Con il decreto n. 368 del 21 maggio il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il ministero dell’Economia hanno confermato...