16 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Giro di vite per la sicurezza: nota Istituto Nazionale Lavoro

Torna il rilievo penale contro il lavoro nero. Maxi sanzioni e arresti. Con la nota n. 1091 del 18 giugno 2024 dell’Inl un giro di vite contro il lavoro nero e sanzioni per i casi di esercizi non autorizzati nei settori  somministrazione, appalto e distacco illeciti per i quali è ripristinato il rilievo penale.

Arrivano le maxi sanzioni per il lavoro nero. Come previsto dal nuovo decreto legge n.19/2024 le sanzioni aumentano dal 20% al 30%.

L’INL riporta il seguente esempio: 

“Esercizio non autorizzato dell’attività di somministrazione “punito con la pena dell’arresto fino a un mese o dell’ammenda di euro 60 per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di lavoro” (art. 18, comma 1 primo periodo) di n. 5 lavoratori x 20 giornate lavorative ciascuno:

60 + 20% (ex art. 1, comma 445 lett. d) n. 1, L. n. 145/2018) = euro 72 72x5x20 = euro 7.200”.

In tema di recidiva, invece, l’Istituto sottolinea la distinzione tra recidiva semplice e  specifica.

Arresti o Maxi sanzioni con aumenti del 20% anche in caso di recidive. L’esempio è il caso del datore a cui nei tre anni precedenti siano state erogate sanzioni amministrative o penali per gli stessi illeciti.

In Primo Piano

Continua a leggere

Aziende. Sicurezza sul lavoro: sì a domande riduzione del tasso di tariffa

Modello semplificato in tema di interventi di miglioramento della sicurezza sul lavoro e prevenzione incidenti. Comunicazione Inail ai datori di lavoro. Nuovo modello di domanda per la riduzione del tasso di tariffa Inail per il 2025 con le istruzioni...

Sicurezza e omissioni del datore di lavoro

Per la Cassazione non basta la condotta negligente del lavoratore. Concorre la responsabilità del datore di lavoro in caso di infortunio del dipendente per suoi comportamenti negligenti? La risposta è sì e lo ha motivato la sezione penale della Corte...

Amianto, sentenza di tutela a vittima di esposizione

Tribunale sancisce diritto a prepensionamento e a rivalutazione pensione per lavoratore danneggiato da esposizione prolungata a amianto. Condannato l'Inps. Lo ha deciso il Tribunale di Torre Annunziata (Napoli) secondo quanto reso noto dall'Osservatorio Nazionale Amianto. Il dipendente si era ammalato per...