17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Decreto trasparenza: precisazioni sugli obblighi di informazione dei sistemi di monitoraggio

Decreto trasparenza: precisazioni sugli obblighi di informazione dei sistemi di monitoraggio. Il Garante della privacy, in data 24 gennaio 2023, ha fornito alcuni rilievi sugli obblighi informativi a carico dei datori di lavoro previsti da decreto Trasparenza d.lgs. n. 104 del 2022, inerentemente all’adozione dei sistemi di automatizzazione dei sistemi di monitoraggio e decisionali.

Secondo il Garante, i dati aggiuntivi che l’azienda dovrebbe dare, possibilmente, al momento dell’assunzione del lavoratore sono:

  • gli aspetti del rapporto di lavoro sui quali incide l’utilizzo dei sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati;
  • il funzionamento dei sistemi;
  • i parametri principali utilizzati per programmare o addestrare i sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati;
  •  inclusi i meccanismi di valutazione delle prestazioni;
  •  le misure di controllo adottate per le decisioni automatizzate, gli eventuali processi di correzione e il responsabile del sistema di gestione della qualità;
  • il livello di accuratezza, robustezza e cybersicurezza dei sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati e le metriche utilizzate per misurare tali parametri, nonché gli impatti potenzialmente discriminatori delle metriche stesse.

Queste informazioni per quanto molto tecniche devono essere consegnate in maniera chiara e semplice.

Inoltre, il Garante si dichiara disponibile ad avviare un confronto sui temi in oggetto delle varie normative che lo stesso elenca nel documento allegato alla nota in argomento, al fine di individuare metodi per rendere ragionevole tale adempimento.

Decreto trasparenza: precisazioni sugli obblighi di informazione dei sistemi di monitoraggio.

In Primo Piano

Continua a leggere

Sì dal Garante Privacy a Codice di condotta delle Agenzie per il lavoro

Vietato "spiare" opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori, spiare gli account personali, effettuare preselezioni sulla base di informazioni personali come stato civile o altro, anche se con il consenso dei candidati. Sono alcune "buone prassi" a cui si...

Privacy: mail lavoratori, conservare metadati non oltre 7 giorni

Le indicazioni a tutti i datori di lavoro pubblici e privati. L'estensione del periodo di conservazione oltre l'arco temporale fissato dal Garante può comportare un controllo a distanza dell'attività del lavoratore. E’ quanto è emerso oggi con la pubblicazione del...

Privacy, non dare accesso ai dati personali è un comportamento scorretto

Autorità Garante Dati Personali accerta illiceità del trattamento dei dati di un dipendente da parte di un'azienda di servizi di pubblica utilità e eroga sanzione con multa di 10mila euro. Si ha diritto ad avere accesso ai propri dati personali...