22 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Corte di Cassazione: comportamenti aziendali scorretti e licenziamento illegittimo

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 23878 del 2018 ha ritenuto illegittimo il licenziamento per giusta causa di un venditore quando alla base del licenziamento stesso ci sia la motivazione dell’aver eseguito pratiche irregolari di vendita. Tale motivazione, infatti, non risulta essere determinante se il comportamento non corretto viene posto in essere in un contesto aziendale caratterizzato da condotte poco ortodosse finalizzate esclusivamente ad ottenere la conclusione del più alto numero di contratti possibili.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Dimissioni volontarie durante il divieto di licenziamento

Dimissioni volontarie durante il divieto di licenziamento. Diritto alle indennità per legge

Controllare mail è illecito, Cassazione su un caso di licenziamento

La Corte di Cassazione con l’ordinanza 18168 del 2023 ha confermato le sentenze di illegittimità del licenziamento per controllo illecito della mail aziendale e a seguito di un’attività di pedinamento.

Cassazione: giacenza di raccomandata vale conoscenza di comunicazione

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 15397 del 31/05/2023 ha stabilito la validità del licenziamento formulato dal datore di lavoro con raccomandata inviata al domicilio del lavoratore e giacenza compiuta. La giacenza stessa è infatti idonea a fondare la presunzione legale di conoscenza della lettera di licenziamento contenuta.