16 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Contratti di solidarietà: pronti gli sgravi

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato il decreto del 14 settembre 2015, con cui riconosce, in favore delle imprese che stipulino o abbiano in corso contratti di solidarietà, uno sgravio contributivo nella misura del 35% della contribuzione a carico del datore di lavoro dovuta per i lavoratori interessati alla riduzione dell’orario di lavoro in misura superiore del 20%.

L’impresa dovrà presentare l’istanza, unitamente al contratto di solidarietà ed alla documentazione richiesta, entro e non oltre 30 giorni successivi alla stipula del contratto di solidarietà oppure – per i contratti di solidarietà in corso alla data di pubblicazione della circolare del Ministero del Lavoro che definirà le modalità telematiche di presentazione delle stesse – entro e non oltre trenta giorni successivi a tale data.

La domanda dovrà essere presentata alla Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e, contestualmente, all’Inps e alla DTL.

Per ulteriori informazioni si rinvia al testo del Decreto.

Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

In Primo Piano

Continua a leggere

Cassazione: la somministrazione ripetuta è illegittima

È il giudice a stabilire quando si va oltre la ragionevole temporaneità. La Cassazione con la sentenza n. 6898/2024 è intervenuta sul tema del contratto di somministrazione reiterato più volte presso lo stesso utilizzatore. A parere della Corte, la reiterazione...

Sharenting, c’è chi dice no

Freni e frizioni. La sovraesposizione dei minori per la pubblicazione sui media diventa un caso.  La nascita di un figlio è uno dei momenti più emozionanti per ogni genitore. Dai primi passi alle piccole birbate. La felicità è incontenibile e...

Cassazione: il diritto di precedenza va messo per iscritto

È tenuto al risarcimento del danno il datore di lavoro che non abbia informato il lavoratore stagionale dell'esistenza del diritto di precedenza ad essere assunto una volta cessato il rapporto a tempo determinato. Con ordinanza n. 9444/2024 la Corte di Cassazione...