24 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Se timbri il cartellino inizia il tuo orario di lavoro

Anche i minuti che passano dalla timbratura del badge ai tornelli devono essere retribuiti. Si tratta di tempi necessari quindi il datore di lavoro li deve pagare.

Lo ha stabilito in sintesi la Corte di Cassazione. 

I dipendenti hanno diritto a ricevere la retribuzione anche per il tempo impiegato nelle attività precedenti e successive alla prestazione lavorativa. La disponibilità del lavoratore va retribuita.

Il pronunciamento della Corte di Cassazione si basa sulla normativa vigente relativa all’orario di lavoro, in particolare sul Dlgs 66/2003 e sulle direttive comunitarie 93/104 e 203/88.

La Cassazione ha sottolineato l’importanza di considerare non solo “il tempo della prestazione effettiva ma anche a quello della disponibilità del lavoratore e della sua presenza sui luoghi di lavoro”.

È stato affermato che l’intero arco temporale trascorso all’interno dell’azienda per attività preparatorie e accessorie deve essere retribuito, a meno che il datore di lavoro non possa dimostrare che il dipendente fosse libero di autodeterminarsi.

Secondo la Cassazione, è considerato “orario di lavoro l’arco temporale comunque trascorso dal lavoratore medesimo all’interno dell’azienda nell’espletamento di attività prodromiche e accessorie allo svolgimento, in senso stretto, delle mansioni affidategli, ove il datore di lavoro non provi che egli sia ivi libero di autodeterminarsi ovvero non assoggettato al potere gerarchico”.

Fonte Ordinanza n.14848 del 2024.

In Primo Piano

Continua a leggere

La morte fake di Noam Chomsky

È partita dal social X per diffondersi, inesorabile e virale. La morte fake dell’intellettuale americano Noam Chomsky in poche ore ha fatto il giro del mondo.  La fake diffusa attraverso necrologi online e testate giornalistiche. Poi tutti  impietriti per l’imbarazzo...

Il recesso dell’apprendista: evoluzione normativa e nuovi sviluppi giurisprudenziali 

Il tema del recesso dal contratto di apprendistato, nel corso tempo, è stato ampiamente dibattuto sia tra gli interessati che tra gli addetti ai lavori. Prima del 2015, infatti, poiché il d.lgs. n. 167 del 2011, all’art. 2, comma 1,...

Web scraping, una questione personale

Come difendersi dalle reti, da chi raccoglie e usa i nostri dati personali dal web scraping? Le istruzioni arrivano dal Garante per la Privacy. La nota ufficiale è stata pubblicata in Gazzetta. I dati della persona e quelli di navigazione...