21 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Cassazione: legittimo licenziamento per sottrazione di documenti aziendali

Con la sentenza n. 25147/2017, la Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento di un dipendente che aveva sottratto, ma non ceduto a soggetti terzi, dati aziendali non protetti da password.

La Suprema Corte ha ritenuto che tale condotta del lavoratore, prendendo in considerazione l’articolo 52 del CCNL del settore chimico, sia riconducibile a mancanza di diligenza sul lavoro. Alla violazione del suddetto articolo viene prevista la possibilità di recesso.

Infine, la Corte ha affermato l’irrilevanza della mancata protezione, da parte di specifiche password, dei documenti sottratti. Difatti, tale circostanza non autorizza in nessun modo il dipendente a procedere ad una appropriazione per proprie finalità dei predetti dati aziendali.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail. Bisogna rispettare le norme. Sentenza del 14 febbraio del Tribunale del Lavoro di Roma dichiara illegittimo un licenziamento formalizzato in violazione dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori. Infatti,...

Nullo il licenziamento disciplinare se non viene ascoltato il dipendente

Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2859 del 31 gennaio scorso. È nullo il licenziamento di un dipendente a cui è stato negato il diritto di replica  per violazione delle procedure previste dalla legge.  Il datore di lavoro,...

Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento 

In malattia di giorno e al lavoro di sera. La Cassazione conferma il licenziamento. Con l’ordinanza n. 1472 del 15 gennaio scorso la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di licenziamento di una lavoratrice dal doppio comportamento:...