17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

L’integrità della posizione contributiva è un diritto

L’omissione dei versamenti è causa di danni. Con l’ordinanza n. 11730 del 2 maggio 2024 la Corte di Cassazione si è espressa in materia previdenziale in merito all’accertamento della contribuzione versata dal datore di lavoro.

Su questo tema, proprio di recente, un’altra sentenza dei magistrati aveva stabilito il pieno diritto alla contribuzione e alla verifica dei versamenti.

In questo caso il ricorrente aveva chiesto fosse accertato il diritto alla retribuzione e ai relativi contributi previdenziali versati dal datore di lavoro.

L’attività formalmente prestata a tempo parziale (50%) era stata sostanzialmente svolta a tempo pieno. Il periodo considerato, un anno, tra i mesi di dicembre 2007 e dicembre 2008. Il datore di lavoro una società privata.

Al centro del ricorso, la richiesta che venisse accertata la violazione delle norme in materia contributiva. In particolare l’articolo 38 della Costituzione e l’articolo 2116 C.C. sanciscono il diritto del lavoratore a ottenere la regolarizzazione della propria posizione contributiva, insieme all’obbligo del datore di lavoro di provvedere ai versamenti dovuti.

A parere della Corte, il motivo del ricorso risultava fondato. “Il lavoratore avrebbe diritto di agire nei confronti del datore di lavoro per l’accertamento dell’omissione contributiva prima ancora del maturare di qualsiasi danno previdenziale (legato in questo caso alla prescrizione della contribuzione e alla mancata erogazione della prestazione)” scrivono i giudici.

“L’omissione infatti produrrebbe un doppio pregiudizio in capo al prestatore di lavoro- viene sottolineato –  sia derivante dalla ‘perdita totale o parziale della prestazione pensionistica sia dalla necessità di ottenere un beneficio economico corrispondente alla pensione attraverso una previdenza sostitutiva’”.

In Primo Piano

Continua a leggere

Assegno unico, Inps: erogati oltre 8 miliardi di euro in 5 mesi

A quasi sei milioni di famiglie, 9,4 milioni i figli coinvolti. Quota 8,12 miliardi di euro per assegno unico. È quanto emerge dall'Osservatorio sull'assegno unico dell'Inps secondo il quale la media mensile dei nuclei che hanno ricevuto il beneficio...

AI act: al via la legge Ue  

La legge UE che riguarda le applicazioni di intelligenza artificiale entra in vigore a scaglioni. Tra sei mesi i controlli sui sistemi di IA per finalità generali. Al via il Regolamento 1689/2024/UE (EU Artificial Intelligence Act) misura legislativa europea di tutela...

Edilizia. Riduzione dei versamenti contributivi?

Sì, per i datori di lavoro. In quali casi? Il beneficio riguarda le buste paga del 2023. Con il decreto n. 368 del 21 maggio il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il ministero dell’Economia hanno confermato...