16 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Bonus mamme. Online il servizio Inps

È online la piattaforma “Utility Esonero Lavoratrici Madri” per compilare il codice fiscale dei figli e fare la domanda del bonus mamme. Lo ha fatto sapere l’Inps con il messaggio n. 1702 del 6 maggio 2024.

La funzione è prevista per i casi in cui il datore di lavoro non abbia provveduto a inserire i dati per la lavoratrice fruitrice del bonus.

Sarà l’istituto stesso a inviare comunicazione tramite posta elettronica alle lavoratrici interessate.

L’accesso all’utility è possibile dopo 45 giorni dal mese di riferimento in cui il datore ha cliccato l’esonero contributivo nel flusso Uniemens per la prima volta (per esempio: se la prima esposizione nella denuncia Uniemens è di marzo 2024 l’accesso all’applicativo è consentito a partire dal 15 maggio 2024).

Il periodo massimo per la compilazione della dichiarazione da parte delle mamme è di 7 mesi “decorrenti dal primo giorno del mese successivo al mese di competenza in cui il datore di lavoro ha esposto per la prima volta l’esonero per la lavoratrice”.

L’Istituto ricorda che “in caso di mancata comunicazione dei codici fiscali dei figli da parte del datore di lavoro all’interno delle denunce Uniemens o, in alternativa, da parte della lavoratrice entro il termine di 7 mesi, si determinerà la revoca del beneficio.

L’agevolazione ‘bonus mamme’ è stata riconosciuta alle madri lavoratrici a tempo indeterminato con la Legge di Bilancio 2024. L’agevolazione consiste nell’azzeramento della contribuzione previdenziale fino a 3mila euro all’anno.

Già con la circolare n. 27 del 31 gennaio scorso, l’Inps informava “le lavoratrici interessate della possibilità di comunicare al datore di lavoro la volontà di avvalersi dell’esonero indicando il numero dei figli e i relativi codici fiscali”. L’Inps dava alle lavoratrici anche la possibilità comunicare direttamente all’Istituto i codici fiscali dei figli.

Chi non ha invece comunicato il proprio indirizzo email potrà accedere all’utility in autonomia.

Articoli precedenti.

In Primo Piano

Continua a leggere