24 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Assunzione di lavoratori beneficiari dell’Aspi da parte di aziende agricole: i chiarimenti Inps

L’Inps, nella circolare n. 81/2014, rende note le modalità operative cui le aziende agricole dovranno attenersi per fruire correttamente degli incentivi previsti in favore dei datori di lavoro che assumono, con contratto a tempo pieno e indeterminato, lavoratori beneficiari dell’indennità ASpI.

Particolarmente importante, appare la trasmissione, da parte dei datori di lavoro interessati, alla Sede Inps presso la quale assolvono i propri obblighi contributivi, della specifica dichiarazione sugli aiuti de minimis e della dichiarazione di responsabilità, utilizzando il modulo allegato alla predetta circolare. Ai fini dell’invio, sarà necessario avvalersi dell’apposita funzionalità, denominata “’Incentivo ASpI”, presente nel Cassetto previdenziale Aziende agricole, sezione Comunicazione on line. Tramite la medesima funzionalità sarà, poi, possibile consultare l’esito della richiesta di ammissione al beneficio.

L’Istituto illustra, inoltre, le modalità di compilazione della denuncia DMAG a seguito dell’ammissione al beneficio.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

Agricoltura, rinnovato il contratto nazionale

Estensione alle aziende e aumenti contrattuali. Biologi e responsabili sanitari tra nuove figure.  Sei le aree di lavoro definite. È partito il nuovo contratto nazionale di categoria. Il CCNL che abbraccia quadri e impiegati agricoli ora estende l’applicazione alle aziende di...

Mercato occupazionale: rapporto 2024 

Cresce l'occupazione in Italia? I contratti attivati sarebbero in calo sugli anni scorsi mentre sono in aumento i contratti a tempo determinato. Lo dice, anzi lo scrive, il ministero del Lavoro nel Rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2024 presentato il 19...

La morte fake di Noam Chomsky

È partita dal social X per diffondersi, inesorabile e virale. La morte fake dell’intellettuale americano Noam Chomsky in poche ore ha fatto il giro del mondo.  La fake diffusa attraverso necrologi online e testate giornalistiche. Poi tutti  impietriti per l’imbarazzo...