24 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Il ‘nuovo tipo’? Ha un cuore da 24 qubit

Per risolvere l’impossibile. Salta nel futuro la ricerca quantistica. Una complessa piramide rovesciata impreziosita da sottilissimi fili che trasportano le informazioni e speciali strutture tubulari per raffreddare quasi allo zero assoluto l’oggetto che si trova in punta: il cuore è un processore da 24 qubit. È arrivato il primo computer quantistico italiano a superconduttori. Un tipo nuovo.

‘Il tipo nuovo’ sfrutta le bizzarre leggi del mondo quantistico per risolvere problemi finora impossibili e aprire nuove frontiere della scienza. 

Intelligenza umana e intelligenza artificiale, insieme, possono andare lontano.

La ricerca è stata presentata dall’Università di Napoli, lo sviluppo del computer quantistico finanziato nell’ambito dello Spoke 10 “Quantum Computing” di ICSC – Centro Nazionale di Ricerca in High Performance Computing.

Con i suoi 24 qubit, la versione quantistica dei tradizionali bit, il ‘tipo nuovo’ è un punto di partenza avanzato, obiettivo la nuova generazione di macchine capaci nel futuro prossimo di risolvere problemi attualmente impossibili.

“Di questo passo, tra un anno – hanno annunciato i ricercatori – il cuore avrà 40 qubit”.

Il traguardo raggiunto dai ricercatori del centro di Napoli si inserisce in un piano italiano più ampio. 

Quattro i differenti percorsi per lo sviluppo di computer quantistici presso le Università di Roma, Firenze e Padova, e dedicate rispettivamente allo sviluppo di tecnologie basate sull’impiego di fotoni, atomi freddi e ioni intrappolati – e infine Napoli con i superconduttori.

Le ricerche sono state finanziate con i fondi Next Generation UE.

In Primo Piano

Continua a leggere