7grammilavoro

Pubblica amministrazione: modifiche al licenziamento disciplinare

Pubblica amministrazione: modifiche al licenziamento disciplinare
Giugno 30
10:23 2016

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28 giugno 2016, è stato pubblicato il decreto legislativo n. 116 del 20 giugno 2016 recante modifiche all’articolo 55-quater del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di licenziamento disciplinare.

Il decreto, nello specifico, disciplina le modalità le conseguenze della falsa attestazione delle presenze che vengono definite dal legislatore delegato come qualunque  condotta fraudolenta posta in essere per  far risultare  il  dipendente   in   servizio   o   trarre   in   inganno l’amministrazione presso la  quale  il  dipendente  presta  attività lavorativa circa il rispetto  dell’orario  di  lavoro  dello  stesso.

Della suddetta violazione rispondono anche coloro che abbiano agevolato  con  la  propria condotta attiva o omissiva il comportamento fraudolento.

Per tali soggetti, colti in flagrante o registrati tramite strumenti di sorveglianza, sarà disposta la sospensione cautelare dal servizio, con provvedimento motivato da adottare entro 48 ore dal momento della conoscenza della condotta fraudolenta.

I lavoratori saranno poi convocati per poter espletare le proprie difese. Il procedimento dovrà concludersi entro 30 giorni dal momento della ricezione, da parte del lavoratore, della contestazione. Il mancato rispetto di tali termini non invalida, comunque, il procedimento, a determinate condizioni.

Ne nuove disposizioni in tema di licenziamento disciplinare entreranno in vigore a partire dal 13 luglio 2016.

Fonte: Gazzetta Ufficiale

Related Articles

Coerentemente con l'impegno continuo di LAROCCAWEB s.r.l. di offrire i migliori servizi ai propri lettori e utenti, abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione. informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi