7grammilavoro

CASSAZIONE: sanzioni disciplinari e reintegra

CASSAZIONE: sanzioni disciplinari e reintegra
Maggio 13
11:12 2019

CASSAZIONE: sanzioni disciplinari e reintegra. La Suprema Corte, con la sentenza n. 12365 del 9 maggio 2019, si è occupata del caso di un lavoratore licenziato per essere stato sorpreso dal proprio superiore gerarchico a dormire durante il turno di lavoro notturno.

In primo e in secondo grado le corti territoriali avevano dato ragione al lavoratore, disponendo la reintegra, ritenendo che l’infrazione rientrasse nella disciplina prevista dal CCNL per l’abbandono del posto di lavoro. il CCNL applicato, per la suddetta violazione disciplinare, prevede sanzioni di carattere conservativo e non risolutive del rapporto.

La Suprema Corte, dopo aver effettuata una lunga e approfondita analisi, della reintegra sul posto di lavoro a seguito di una procedura disciplinare. La Suprema Corte, a seguito delle misure introdotte dalla legge n. 92 del 2011,  conclude affermando che la reintegra è possibile solo quando la mancanza, di natura disciplinare, è sanzionata esclusivamente con una misura conservativa.

La Suprema Corte, nella sentenza in commento, afferma che “non può dirsi consentito al giudice, in presenza di una condotta accertata che non rientri in una di quelle descritte dai contratti collettivi ovvero dai codici disciplinari come punibili con sanzione conservativa, applicare la tutela reintegratoria, operando una estensione non consentita, per le ragioni su esposte, al caso non previsto sul presupposto del ritenuto pari disvalore disciplinare”.

Si precisa inoltre che, il dipendente in oggetto, ha tenuto un comportamento elusivo e fraudolento rispetto alle condotte ricadenti all’interno della disciplina dell’abbandono del posto di lavoro.

Leggi altro

CASSAZIONE: sanzioni disciplinari e reintegra

Related Articles

Coerentemente con l'impegno continuo di LAROCCAWEB s.r.l. di offrire i migliori servizi ai propri lettori e utenti, abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione. informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi