7grammilavoro

Cassazione: condannato il datore di lavoro per morte del lavoratore dovuta ad inesperienza e mancanza di formazione

Cassazione: condannato il datore di lavoro per morte del lavoratore dovuta ad inesperienza e mancanza di formazione
Luglio 04
10:16 2019

Cassazione: condannato il datore di lavoro per morte del lavoratore dovuta ad inesperienza e mancanza di formazione

Colpevole il datore di lavoro per la morte del lavoratore anche se quest’ultimo sia stato imprudente

Con la sentenza n. 27787/2019, la Corte di Cassazione ha stabilito che nel caso di morte del lavoratore, anche se dovuta ad imprudenza dello stesso, risulta colpevole il datore di lavoro che non abbia erogato la dovuta formazione in considerazione della mansioni svolte.

La massima della Corte di Cassazione

Nello specifico la Suprema Corte ha affermato che “si configura in capo al datore di lavoro il reato di omicidio colposo ascritto con inosservanza della disciplina prevenzionistica sul lavoro laddove non avendo il lavoratore ricevuto un’adeguata formazione sul contenuto della prestazione lavorativa, né verificabili prescrizioni lavorative sui limiti cui era tenuto il suo intervento, la sua condotta, benché imprudente e avventata, non può assurgere a causa esclusiva dell’infortunio occorso quando, come nella specie, il sistema di sicurezza apprestato dal datore di lavoro presenti delle evidenti criticità”.

Conclusioni

In buona sostanza, dalla sentenza di cui si discute, emerge che anche nel caso in cui la condotta del lavoratore risulti essere abnorme e non prudente, ciò non può escludere eventuali responsabilità del datore di lavoro qualora, come nel caso di specie, si palesi un nesso tra la morte del dipendente e violazione delle norme antinfortunistiche.

Cassazione: condannato il datore di lavoro per morte del lavoratore dovuta ad inesperienza e mancanza di formazione

Fonte: Corte di Cassazione

Related Articles

Coerentemente con l'impegno continuo di LAROCCAWEB s.r.l. di offrire i migliori servizi ai propri lettori e utenti, abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi